lunedì 19 febbraio 2018

1948-2018: l'Assemblea Costituente e la moderna democrazia

Venerdì 23 Febbraio 2018 alle ore 21 presso la biblioteca “Margherita Hack” di Condove – Via Roma 1, si terrà la tavola rotonda sul tema "1948-2018 dalla Resistenza alla Costituzione". Per l'occasione interverranno: on. Gianfranco Morgando - Fondazione Carlo Donat-Cattin, Prof. Marco Brunazzi - Istituto di studi storici Gaetano Salvemini, on. Renzo Gianotti - Fondazione Istituto Piemontese Antonio Gramsci. Vi aspettiamo!

domenica 14 gennaio 2018

Giorno della Memoria 2018

Mercoledì 17 alle ore 10:30 l'artista tedesco Gunter Demnig poserà la prima pietra d'inciampo (www.stolpersteine.eu) a Condove: incorporata nel selciato di Vicolo Isonzo e ricoperta con un'incisione su lastra di ottone, la pietra ricorderà l'ultima abitazione di Mario Bocco, classe 1920, che non fece più ritorno dai campi di concentramento.


Venerdì 26 alle ore 10:30 l'Amministrazione, i cittadini, le associazioni e i ragazzi delle scuole celebreranno il Giorno della Memoria al suono della vecchia sirena. Alle ore 20:30, presso il Salone Frassati di Via Roma, andrà in scena "Brundibar - Voci dal ghetto di Terezin", spettacolo di e con Alberto Borgatta e le classi 3°A e 3°B della Scuola Secondaria.


 

martedì 7 novembre 2017

La politica è una cosa sporca?

Se si rivolge questa domanda alla gente per la strada, è probabile che si ascoltino molti sì. Le indagini di opinione che confermano che la fiducia nei partiti è molto bassa. Eppure la corsa ad un posto in politica non è mai stata tanto affollata.
In Catalogna vogliono lasciare lo Stato spagnolo per avere uno Stato più piccolo di soli Catalani. Ma basta cambiare la lingua nei documenti ufficiali per cambiare la politica?
In giro sono tornati quelli che vorrebbero chiudere Montecitorio per sostituirlo con un "governo forte". Nel secolo scorso in Italia abbiamo avuto per oltre vent'anni l'uomo "forte" che faceva e disfaceva a suo piacimento e abbiamo visto quali disastri ha combinato. Benedetti i partigiani che si sono battuti per porre fine a quel regime.
Mentre sui giornali, nelle tv, nei social network improvvisatori e demagoghi fanno la gara a chi la spara più grossa, possiamo discutere con serietà di politica, di com'è e di come dovrebbe essere, di che cosa si può fare?
Perché l'Anpi? Perché non è un partito, perché non si presenta alle elezioni per chiedere il consenso sulla scheda e quindi, se parla di questi argomenti, non lo fa per il voto, perché rappresenta la Resistenza che ha reso possibili la Repubblica e la Costituzione, perché sostiene una democrazia rinnovata.
Parleremo di questi temi con l'On. Lorenzo Gianotti , presidente della sezione A.N.P.I. di Rivoli, nella serata di VENERDI' 17 Novembre 2017 alle ore 21,00 presso la biblioteca “Margherita Hack” di Condove – Via Roma 1. Vi aspettiamo!

sabato 7 ottobre 2017

Sulle orme del Che

Venerdì 13 ottobre alle ore 21 a Caprie presso il centro Polisportivo LA SOSTA

per onorare la memoria di Ernesto Che Guevara, ucciso cinquant'anni fa, il gruppo "Bon sens", la sezione ANPI "Mario Jannon" di Condove-Caprie-Borgone-Almese,
La Sosta Climb Café ed il Gruppo 33 di Condove

presentano

SULLE ORME DEL CHE

serata di proiezione di immagini del viaggio che due valsusini hanno compiuto, anni fa, verso il luogo del suo martirio in Bolivia.

Vi aspettiamo !


giovedì 17 agosto 2017

Vaccherezza 2017

Il 20 aprile 1945 la 114° Brigata Garibaldi fu attaccata da più fronti e 16 partigiani vennero uccisi presso Vaccherezza a 1500 metri di quota: un triste e crudele episodio, che ancora oggi vogliamo ricordare proprio lassù, in nome di tutti i giovani che caddero per il nostro Paese.

"Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un Italiano per riscattare la libertà e la dignità della nazione, andate là, o giovani, col pensiero, perché là è nata la nostra costituzione" Piero Calamandrei

mercoledì 3 maggio 2017

Revisionismo valsusino

Con la presente, l’ANPI intende prendere posizione nei confronti dell’articolo pubblicato su “L’agenda.news” da Mario Tonini in data 26.04.2017.

Riteniamo inaccettabile la ricostruzione fatta dal signor Tonini, relativamente quella che lui (pretestuosamente evitando il termine “Liberazione”) definisce “fine della Seconda guerra Mondiale”.

Ebbene, il signor Tonini – prendendo (nemmeno troppo velatamente) “spunto” da un articolo a firma N. Farell pubblicato su Il Giornale il 06.04.2014 (in fondo a questa lettera potete trovare un confronto tra i due articoli) - muove il proprio scritto su due critiche: da un lato afferma che la Resistenza italiana nulla valse dal punto di vista militare per la Liberazione d’Italia, dall’altra che i Partigiani italiani (per criticare i quali, il “giornalista” ha sapientemente atteso il 2017 e la conseguente morte della maggior parte di essi) non lottarono per la Libertà dell’Italia e per il raggiungimento della Democrazia, bensì per il Comunismo e per la dittatura.

Quanto al primo pensiero, scrive Ennio Tassinari in un recente numero di Patria Indipendente: “Parlare di guerra o lotta di liberazione per la sconfitta del nazifascismo e non includere l’esercito degli Alleati è offesa ai centomila morti che lasciarono sul nostro territorio, è ingratitudine al sacrificio di quei popoli che per nostra fortuna intervennero poiché senza di loro non avremmo sconfitto i nazifascismi e raggiunto la Libertà e la Pace”. Non è intenzione dell’ANPI disconoscere il valore apportato dalle milizie alleate alla Liberazione dell’Italia dal giogo nazifascista, né affermare che, dal punto di vista militare, la Resistenza fosse dotata della stessa forza degli eserciti “regolari”. Ciò ovviamente non era possibile per le differenze numeriche, di equipaggiamento e di formazione.

Ciononostante, le brigate partigiane, specie nel nord Italia e specie nell'estate del '44 ebbero la forza di sottrarre ingenti territori al controllo degli eserciti fascista e tedesco. Memorabili sono le esperienze delle Repubbliche partigiane di Alba e della Val D'Ossola e, in Valsusa, l'assalto al ponte dell'Arnodera avvenuto il 29 dicembre 1943 (a pochi giorni dal giuramento della Garda dell'8 dicembre, che segna l'inizio della Resistenza Valsusina, ben precedente, in effetti, all'estate del '44, che Tonini indica come data di formazione delle prime brigate partigiane). Furono le Brigate Partigiane a liberare le grandi città del Nord Italia. Nel caso di Torino, un ruolo fondamentale ebbero le Brigate scese dalle montagne e la Liberazione giunse soltanto dopo accesissimi scontri militari. Napoli, con le sue “quattro giornate” di insurrezione popolare, si liberò dall'occupazione nazista il 30 settembre 1943 prima dell'arrivo degli Alleati e questo gesto eroico valse alla città la medaglia d'oro al valore militare.

Tali esperienze furono grandiose dal punto di vista militare, ma soprattutto partecipativo e permisero ad un'intera generazione di ritrovare il riscatto, dopo il misero fallimento di un ventennio di politiche imperialistiche e nazionaliste.

Che la lotta di Liberazione fosse al servizio del comunismo e della dittatura è, poi, semplicemente falso.

Innanzitutto, è vero che la Brigate più numerose tra le schiere della Resistenza furono le Brigate Garibaldi di ispirazione comunista. Ma è altresì vero che ispirarsi agli ideali comunisti non significa affatto lottare per il totalitarismo. Il comunismo infatti è un movimento ideologico che ha radici antichissime e contenuti estremamente nobili, quali l’egueglianza, l’emancipazione umana e la liberazione dalla schiavitù del bisogno. Totalitarismo e comunismo non sono concettualmente sinonimi e nella storia politica italiana lo furono mai. Confondere i due piani è sintomo di una gravissima distorsione della realtà, di un intento pretestuoso, volti esclusivamente al più becero dei revisionismi.

A riprova dell’assurdità delle parole usate da Tonini, vi è che la Resistenza accolse tra le sue fila numerosissime strade di pensiero: oltre alle brigate Garibaldi (emanazione del Partito Comunista), ruolo imponente ebbero i Gruppi di Giustizia e Libertà (legate al Partito d’Azione), le Brigate Matteotti (socialiste), le Brigate Fiamme Verdi (cattoliche), le Formazioni Azzurre (monarchiche). Accanto a loro, i Gruppi in Difesa della Donna che ebbero enorme importanza militare, strategica ed etica. La vastità del movimento partigiano fu tanto ampia da specchiarsi nella successiva stesura della carta costituente, che accolse le visioni dei vari schieramenti contemperando il contenuto di quello che da allora divenne il testo fondamentale del nuovo stato di diritto.

La Resistenza fu questo e molto altro. La Resistenza fu il movimento popolare più ampio che la storia italiana abbia mai conosciuto. La Resistenza fu coinvolgimento dal basso e fu, più di tutto, coinvolgimento su larga scala. Dire che i Partigiani non combatterono per la Libertà e la Democrazia equivale a disconoscere le fondamenta stesse della nostra società e del nostro stato di diritto che sorsero sui valori fondanti della lotta di Liberazione. Significa rendere vano il sacrificio di quanti hanno pagato col sangue l'insurrezione e significa disconoscere il valore della scelta compiuta da quei giovani, che decisero di schierarsi dalla Parte Giusta.

È contro queste ricostruzioni grossolane, false e pretestuose che dobbiamo schierarci, perché questo è il senso di far parte dell’ANPI oggi, è il senso profondo del portare avanti i Valori della Resistenza. A 72 anni di distanza,la storia non può essere riscritta a piacimento di quanti hanno come unico intento quello di screditare il movimento partigiano a beneficio di coloro che sedevano dall'altra parte e che ancora oggi, nostro malgrado, ammorbano questo Paese.

Il 25 Aprile è e resterà sempre la festa di tutte le Italiane e di tutti gli Italiani, delle loro radici e del loro futuro. È la giornata dedicata al ricordo e alla celebrazione di chi diede la vita per la Libertà dell’Italia, dei loro sogni di pace, giustizia e uguaglianza. Il 25 aprile si festeggia la LIBERAZIONE dell'Italia, la Liberazione dall'occupazione nemica, la Liberazione da un ventennio di prevaricazione, la rinascita di un popolo, il riscatto di una nazione.

Evviva l’Italia Liberata, evviva la Resistenza, evviva il 25 Aprile.

ANPI Condove-Caprie-Borgone
ANPI Bussoleno-Bruzolo-Foresto-Chianocco
ANPI Chiusa San Michele
ANPI Sant'Ambrogio
ANPI Avigliana
ANPI Grugliasco





martedì 18 aprile 2017

La Festa della Liberazione a Condove

Con la visita delle scuole a Vaccherezza, comincia la settimana dedicata alla Festa della Liberazione. A far da cornice alla consueta ricorrenza del 25, la fiaccolata di Valle organizzata dalle ANPI e Unione dei Comuni, gli imperdibili appuntamenti del Valsusa Filmfest, l'apertura del Museo della Resistenza e la visita dell'ex rifugio antiaereo di Via Conte Verde.